Amatriciana di gamberi

Voglia di pesce, voglia di carne? Primo o secondo? Ecco a voi un piatto che potrebbe soddisfare tutti i desideri contemporaneamente – l’amatriciana di gamberi. L’amatriciana (classica) è un condimento per la pasta composto da guanciale, pomodori e pecorino come ingredienti principali e da cipolla, aglio, olio o strutto, pepe nero macinato e peperoncino come secondari. La ricetta di oggi è una variante ai gamberoni (quindi senza il pecorino) che abbina in armonia questi ingredienti che, a prima vista, potrebbero sembrare così diversi tra di loro.

1-copiaDosaggio: 2 persone

2-copiaPreparazione: 15 min

3-copiaCottura: 25 min

ingIngredienti:

  • 160g spaghetti
  • 150g guanciale amatriciano
  • 500g pomodori
  • 12 gamberoni
  • 15g cipolla/scalogno
  • 2 spicchi d’aglio
  • basilico/origano
  • sale

ProcedimentoProcedimento:

  1. Per cominciare, pulire i gamberoni e usare le teste e i gusci per fare il bisque (brodo di pesce);
  2. Preparare il sugo rosolando a fuoco vivo i cubetti di guanciale;
  3. Aggiungere gli spicchi d’aglio leggermente schiacciati e la cipolla tagliata fine;
  4. Aggiungere i pomodori spellati e tagliati a pezzi (o il sugo già pronto), un pizzico di sale e cuocerli a fuoco vivo (io ho scelto i pomodori dall’orto – hanno una polpa molto carnosa, pochi semi e si spellano facilmente senza tecniche speciali);
  5. Aggiungere un mestolo di bisque di gamberoni (come se fosse il brodo nel risotto);
  6. Nel frattempo, far bollire la pasta in acqua salata;
  7. Dopo circa 10-15 minuti, aggiungere i gamberoni e cuocerli per circa 3 minuti;
  8. Aggiungere la pasta scolata, le foglie di basilico e amalgamare il tutto;
  9. Servirla subito.

Lo sapevi che...Lo sapevi che …

… per una corretta pulizia dei gamberi è necessario togliere la testa, il guscio e l’intestino (il filo nero che si trova lungo la schiena)?

… il bisque di gamberoni è un brodo concentrato realizzato con le teste e i gusci dei gamberoni insieme ai pomodori e alla cipolla?

Buon appetito!

SalvaSalva

SalvaSalva

Comment on this post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *