Ciambella alle pesche

Come resistere alla tentazione di preparare i dolci con tutta la frutta di stagione che abbiamo?!

1-copiaDosaggio: 6 persone

2-copiaPreparazione: 30 min

3-copiaCottura: 1h

ingIngredienti:

Per la ciambella:

  • 5 uova
  • 160g zucchero
  • 150g farina (più farina per la teglia)
  • 60g burro (più per imburrare la teglia)
  • 3-4 pesche
  • sale

Per le pesche:

  • 5 pesche
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 4 rametti di rosmarino

Per la decorazione:

  • fette di pesche
  • zucchero a velo
  • rosmarino

ProcedimentoProcedimento:

  1. Per cominciare, separare gli albumi dai tuorli;
  2. Aggiungere un pizzico di sale agli albumi e montarli ad alta velocità;
  3. Sbattere i tuorli in una ciotola separata insieme allo zucchero, poi aggiungere il burro sciolto e raffreddato (oppure molto molle);
  4. Unire i composti delle due ciotole e mescolare in modo lento (dall’alto vero il basso) e leggero per mantenere la consistenza schiumosa;
  5. Setacciare la farina e aggiungerla poco alla volta in modo da evitare la formazione dei grumi;
  6. Aggiungere le pesche a cubetti, omogeneizzare l’impasto e versarlo nella teglia imburrata (diametro 22cm la parte superiore);
  7. Aggiungere le fettine sottili di pesche in superficie;
  8. Cuocere per circa un’ora nel forno preriscaldato a 180°;
  9. Nel frattempo, preparare le pesche: cuocerle con lo zucchero e il rosmarino per circa 10 minuti;
  10. Sfornare la ciambella, estrarla dalla teglia, capovolgerla, farla raffreddare e aggiungere le fettine, un po’ di zucchero a velo e i rametti di rosmarino.

Lo sapevi che...Lo sapevi che …

… per testare l’effettiva cottura della ciambella, è possibile inserire uno stuzzicadenti nel suo mezzo e verificare che risulti pulito alla sua estrazione?

… perché la ciambella mantenga la sua forma e il volume, si consiglia di non aprire il forno per i primi 20 minuti?

… perché gli albumi si montino bene, è necessario che la ciotola, la frusta e le palette utilizzate siano pulite, asciutte e sgrassate?

Buon appetito!

SalvaSalva

SalvaSalva

Comment on this post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *